Mick Karn (Japan, Rain Tree Crow), Gavin Harrison (Dizrhytmia, Porcupine Tree, Mick Karn), Haco (Happines Proof, Hoahio, Kam-pas-nel-la, Mescaline Go-Go, After Dinner, Guigou Chenevier), Peter Chilvers (No Man, A Marble Calm, Bowness/Chilvers, Henry Fool, Darkroom, Alias Grace), Mike Applebaum (Randy Brecker, Stan Getz, Gil Evans, Leonard Bernstein, Ennio Morricone, Ivano Fossati), Sandra O'Neill (Alias Grace, A Marble Calm, Bernard Hoskin), Markus Reuter (Centrozoon, Europa String Choir, Pat Mastellotto) e gli italiani Nicola Alesini (Glen Velez, Hans Joachim Roedelius, David Sylvian, Roger Eno, David Torn, Harold Budd, Steve Jansen, Richard Barbieri), Daniele Iacono (Jovanotti, Tiromancino, Ron, Paola Turci, Niccolò Fabi, Aladnah, Daniele Groff) e Giacomo Anselmi (Antonello Salis, Dario Deidda, Nuova Tribù Zulù). Brani dai suoni e dagli arrangiamenti raffinati tra la forma canzone, l'ambient, il jazz e il rock, nei quali i numerosi ospiti sono lasciati liberi di esprimersi nel loro stile più peculiare. Qualche riferimento tanto per capirci? David Sylvian, Mark Isham, Porcupine Tree e No Man... . " />
Catalogo RES: [STEFANO PANUNZI] timelines


timelines
[STEFANO PANUNZI ]
>>
20.02.2006Handlemedown
20.02.2006Handlemedown
28.01.2006MUSIQ
03.02.2006AmarokProg
30.01.2006HMP
23.01.2006SENTIREASCOLTARE
30.12.2005Ragazzi Music
30.12.2005Ragazzi Music
30.12.2005DNA Music
28.12.2005Babyblaue-seiten
15.12.2005iO pages
13.11.2005FFM-ROCK
13.11.2005FFM-ROCK
14.11.2005Altre Muse
12.11.2005Intuitive Music
12.11.2005Intuitive Music
10.11.2005MovimentiProg
16.11.2005Rockerilla
Recensioni
Panunzi "Timelines"
Sentire Ascolatare, 23 Gennaio 2006

Stefano Panunzi

Timelines

La Res Records di Treviso è una nuova e piacevole conoscenza di SentireAscoltare, risalente all’ultima edizione del MEI di Faenza. Con poco più di una decina di produzioni tra il 2003 e il 2005, l’etichetta spazia dal free jazz dei MU (no, non la sgangherata giapponesina!) alla musica elettronica di Max Waves. Una label che dimostra ancora una volta le qualità “nascoste” della musica indipendente italiana.

L’esordio del tastierista Stefano Panunzi chiude in bellezza il 2005 della Res con un disco che varrebbe la pena di ascoltare a scatola chiusa, se non altro per gli “ospiti” (numerosi) che vi hanno suonato: l’ex bassista dei Japan Mick Karn, Gavin Harrison (Porcupine Tree) e Mike Applebaum (che tra le sue esperienze può vantare collaborazioni con Stan Getz, Gil Evans ed Ennio Morricone) sono solo alcuni dei tanti nomi che hanno preso parte alle registrazioni dell’album.

Timelines è un crogiuolo di esperienze che vanno dall’ambient (nderground), alla fusion (Everythig For Her, in cui lo straordinario basso di Karn la fa da padrone; No Answer For You); da atmosfere vicine allo space rock (Masquerade) ad esplorazioni della forma canzone (Web Of Memories con la bella voce di Sandra O’Neill; Timelines, cantata dalla “bjorkiana” Haco).

I colori brillanti della musica risaltano grazie ad una produzione che spicca per una cura del suono meticolosa e attenta alle sfumature.

La musica di Timelines soffia come un vento caldo e piacevole in una notte d’inverno: la calma e la rilassatezza sono qualità non facili da esprimere in musica senza il rischio di piombare nella noia. Per evitare questo, Stefano Panunzi, in veste di compositore, sembra aver colto e mescolato alla perfezione e con grande mestiere le lezioni di Miles Davis e Brian Eno.

Un esordio che rappresenta allo stesso tempo la scoperta di un grande talento e un altro bell’esempio della qualità della musica nostrana di questo nuovo millennio. E attenzione alla Res…

(8.0/10)

Daniele Follero

SENTIREASCOLTARE

©2006 SentireAscoltare www.sentireascoltare.com

RESCD0503 (CD digipack)

©2003-2019 - RES - Registrazioni e Suoni
powered by jtPHPsite ©2003-2019 lightelementswebdesign